top of page
LA RICCHEZZA BAS PIXEL.jpg

Tavola razionale
"La ricchezza"

Chi di noi alla domanda: “ti piacerebbe essere ricco? Risponderebbe “no”?

La ricchezza è un’aspirazione ad uno status di vita fatto di sicurezze economiche e, di conseguenza, di benessere. La vita però non riserva a tutti questi privilegi. Alcuni inseguono questa chimera per tutta la loro esistenza non raggiungendola mai. Chi sceglie questa carta, con il proprio IO-IN* ha le caratteristiche, le doti, le qualità, la personalità, per poter conseguire tale ricchezza. Alcuni di noi, sopraffatti dalle insicurezze e dalle paure, non si accorgono delle possibilità che potrebbero presentarsi casualmente avendo l’opportunità di mettersi in gioco per ottenere il risultato sperato.

La mancanza d’autostima o l’ascolto di persone negative e pessimiste (soprattutto nella propria cerchia) potrebbero scoraggiarci in alcune occasioni, portandoci a non prendere decisioni importanti circa il nostro futuro. Noi abbiamo nel nostro IO-IN* le potenzialità per diventare ciò che desideriamo, dovremmo solamente confidare in noi stessi e nel cammino che ci sta dinnanzi che è stato aperto dalle energie che si muovono nell’universo.

Prima di tutto dovremmo fare il passo importante relativo alle scelte di vita di rilevante importanza mettendo il nostro essere in armonia con tali predilezioni.

Nella vita non si ottiene niente senza sacrifici, fiducia, perseveranza e per arrivare ad avere queste qualità dovremmo cominciare il lavoro nel nostro IO-IN*, confidando che non saremo mai soli durante questo tragitto.

Tutto diventa possibile perché noi stessi potremmo renderlo tale.

Alcune delusioni o sconfitte non dovrebbero intaccare la fiducia nelle nostre potenzialità, dovremmo accettarle come integrazioni d’esperienza che ci rafforzano. Per esseri positivi e motivati dovremmo essere sempre carichi di energia che potremmo assimilare circondandoci di persone che, a loro volta, lo sono ottenendo risultati nella propria vita.

“Frequenta un ricco e diventerai ricco” questa frase è molto significativa e racchiude un’importante verità che riscontreremo attorno a noi. Se chi ci ha creato ci ha dotato di qualità uniche, è nostro dovere utilizzarle, sviluppandole nel corso della nostra esistenza.

Solo così dimostreremo di aver apprezzato il dono e di averlo valorizzato.

Un altro elemento fondamentale per ottenere la ricchezza è la fede. Si ha l’abitudine di pensare che la fede sia solamente legata alla religione; in realtà la si può avere per qualsiasi cosa o progetto o desiderio che nasce dentro di noi. Non è possibile che un sogno si avveri facendo a meno della fede, perché quando si presentano difficoltà che paiono ostacoli insormontabili è solo grazie ad essa che potremmo superarli.

Anche la fiducia in se stessi è riconducibile a una forma di fede dove il risultato sperato dovrebbe essere il nostro IO-IN* in armonia con se stesso e il creato. Dovremmo considerare anche una riflessione importante inerente la ricchezza. Non è un teorema il fatto che essa sia uguale a felicità e appagamento. Abbiamo molti esempi di persone ricche che sono infelici e tristi con una vita priva di significato.

La ricchezza in sé produce un benessere di vita superiore alla media, ma può succedere che questa si trasformi in “amore per il denaro” e se ciò accadesse porterebbe qualsiasi persona a condizionamenti e deviazioni che ci accecherebbero, conducendoci in vicoli senza uscita. La buona qualità è amare lo stare bene, e aiutare il prossimo con purezza d’animo. La ricchezza in sé non è un male, il fattore negativo sta nel modificare tutto se stesso, compresa la propria vita, solo in funzione di essa.

Alcune volte potremmo pensare che il destino o la fortuna riservino tale status solo a certe persone, mentre ad altre giusto il contrario. Anche se in alcuni casi potrebbe risultare vero, nella maggior parte la causa sta più nella nostra incapacità di conoscerci, non capendo che abbiamo doni che ci condurrebbero ad attenere quello che continuiamo a invidiare negli altri.

Non è da sottovalutare anche l’esistenza di condizioni astrologiche che in certi momenti della nostra vita influiscono su alcune decisioni importanti.

Come descritto in altre carte il giallo è il colore dell’energia e della forza.

L’immagine che abbiamo è di immensi campi ricoperti da fiori gialli di colza, che contrastano armoniosamente con il celeste limpido del cielo che li ricopre. Questo giallo è annunciatore di un’estate alle porte che ci prepara emotivamente a periodi di felicità e spensieratezza.

È anche sinonimo di vita, di un fiore che sboccia in tutto il suo splendore e si dà allo spettatore con la fierezza della natura.

Tutte queste caratteristiche dovrebbero essere parte integrante di noi, sapendole esternare come fa madre natura, con naturalezza e semplicità, ma anche con forza e volontà.

La vita è un armonioso ciclo naturale al quale, noi tutti, partecipiamo nella maniera in cui decidiamo.

Il nostro libero arbitrio potrebbe condurci ad una vita piena di sofferenze e di pene o, al contrario, ad un’esistenza felice. In alcune vite è il fato a determinare il positivo o negativo, ma ciò non è una regola generale.

Dovremmo convincerci che la ricchezza, se ottenuta, esiste perché l’abbiamo voluta sfruttando le nostre migliori qualità e, diciamolo pure, forse anche con un pizzico di fortuna.

bottom of page